Scienziati non credenti

Leading scientists still reject God

Nature, Vol. 394, No. 6691, p. 313 (1998) Macmillan Publishers Ltd.

The question of religious belief among US scientists has been debated since early in the century. Our latest survey finds that, among the top natural scientists, disbelief is greater than ever — almost total.

Research on this topic began with the eminent US psychologist James H. Leuba and his landmark survey of 1914. He found that 58% of 1,000 randomly selected US scientists expressed disbelief or doubt in the existence of God, and that this figure rose to near 70% among the 400 “greater” scientists within his sample [1]. Leuba repeated his survey in somewhat different form 20 years later, and found that these percentages had increased to 67 and 85, respectively [2].

In 1996, we repeated Leuba’s 1914 survey and reported our results in Nature [3]. We found little change from 1914 for American scientists generally, with 60.7% expressing disbelief or doubt. This year, we closely imitated the second phase of Leuba’s 1914 survey to gauge belief among “greater” scientists, and find the rate of belief lower than ever — a mere 7% of respondents.

Leuba attributed the higher level of disbelief and doubt among “greater” scientists to their “superior knowledge, understanding, and experience” [3]. Similarly, Oxford University scientist Peter Atkins commented on our 1996 survey, “You clearly can be a scientist and have religious beliefs. But I don’t think you can be a real scientist in the deepest sense of the word because they are such alien categories of knowledge.” [4] Such comments led us to repeat the second phase of Leuba’s study for an up-to-date comparison of the religious beliefs of “greater” and “lesser” scientists.

Our chosen group of “greater” scientists were members of the National Academy of Sciences (NAS). Our survey found near universal rejection of the transcendent by NAS natural scientists. Disbelief in God and immortality among NAS biological scientists was 65.2% and 69.0%, respectively, and among NAS physical scientists it was 79.0% and 76.3%. Most of the rest were agnostics on both issues, with few believers. We found the highest percentage of belief among NAS mathematicians (14.3% in God, 15.0% in immortality). Biological scientists had the lowest rate of belief (5.5% in God, 7.1% in immortality), with physicists and astronomers slightly higher (7.5% in God, 7.5% in immortality). Overall comparison figures for the 1914, 1933 and 1998 surveys appear in Table 1.

Table 1 Comparison of survey answers among “greater” scientists
Belief in personal God 1914 1933 1998
Personal belief 27.7 15 7.0
Personal disbelief 52.7 68 72.2
Doubt or agnosticism 20.9 17 20.8
Belief in human immortality 1914 1933 1998
Personal belief 35.2 18 7.9
Personal disbelief 25.4 53 76.7
Doubt or agnosticism 43.7 29 23.3
Figures are percentages.

Repeating Leuba’s methods presented challenges. For his general surveys, he randomly polled scientists listed in the standard reference work, American Men of Science (AMS). We used the current edition. In Leuba’s day, AMS editors designated the “great scientists” among their entries, and Leuba used these to identify his “greater” scientists [1,2]. The AMS no longer makes these designations, so we chose as our “greater” scientists members of the NAS, a status that once assured designation as “great scientists” in the early AMS. Our method surely generated a more elite sample than Leuba’s method, which (if the quoted comments by Leuba and Atkins are correct) may explain the extremely low level of belief among our respondents.

For the 1914 survey, Leuba mailed his brief questionnaire to a random sample of 400 AMS “great scientists”. It asked about the respondent’s belief in “a God in intellectual and affective communication with humankind” and in “personal immortality”. Respondents had the options of affirming belief, disbelief or agnosticism on each question [1]. Our survey contained precisely the same questions and also asked for anonymous responses.

Leuba sent the 1914 survey to 400 “biological and physical scientists”, with the latter group including mathematicians as well as physicists and astronomers [1]. Because of the relatively small size of NAS membership, we sent our survey to all 517 NAS members in those core disciplines. Leuba obtained a return rate of about 70% in 1914 and more than 75% in 1933 whereas our returns stood at about 60% for the 1996 survey and slightly over 50% from NAS members [1,2].

As we compiled our findings, the NAS issued a booklet encouraging the teaching of evolution in public schools, an ongoing source of friction between the scientific community and some conservative Christians in the United States. The booklet assures readers, “Whether God exists or not is a question about which science is neutral”[5]. NAS president Bruce Alberts said: “There are many very outstanding members of this academy who are very religious people, people who believe in evolution, many of them biologists.” Our survey suggests otherwise.

Edward J. Larson
Department of History, University of Georgia,
Athens, Georgia 30602-6012, USA

Larry Witham
3816 Lansdale Court, Burtonsville,
Maryland 20866, USA


References

  1. Leuba, J. H. The Belief in God and Immortality: A Psychological, Anthropological and Statistical Study (Sherman, French & Co., Boston, 1916).
  2. Leuba, J. H. Harper’s Magazine 169, 291-300 (1934).
  3. Larson, E. J. & Witham, L. Nature 386, 435-436 (1997).
  4. Highfield, R. The Daily Telegraph 3 April, p. 4 (1997).
  5. National Academy of Sciences Teaching About Evolution and the Nature of Science (Natl Acad. Press, Washington DC, 1998).

Gli scienziati più importanti continuano a non credere a Dio

La questione del credo religioso tra gli scienziati statunitensi è stata dibattuta già a partire dall’inizio del secolo. Il nostro ultimo sondaggio mostra che, tra i maggiori scienziati naturali, il numero degli scettici ha raggiunto livelli altissimi – quasi la totalità.

La ricerca su questo argomento cominciò con lo psicologo americano James H. Leuba e il suo sondaggio di riferimento del 1914. Egli trovò che il 58% di 1,000 scienziati americani scelti a caso esprimevano scetticismo o dubbio nei confronti dell’esistenza di Dio, e che questa opinione arrivava a toccare il 70% tra i 400 “più importanti” scienziati presenti nel campione in esame. Leuba ripetè il sondaggio in una forma diversa 20 anni più tardi e ne risultò che le percentuali erano aumentate al 67 e 85 % rispettivamente.

Nel 1996 abbiamo ripetuto il sondaggio del 1914 di Leuba e abbiamo riportato i nostri risultati su Nature. Per quanto riguarda gli scienziati americani in generale, abbiamo riscontrato delle piccole variazioni rispetto al 1914 con il 60.7% che esprime incredulità o dubbio. Quest’anno, abbiamo ripetuto anche la seconda fase del sondaggio del 1914 di Leuba indirizzandolo sui più “eminenti” scienziati, e abbiamo riscontrato la percentuale di credenti più bassa di sempre – un mero 7% dei rispondenti.

Leuba attribuì l’alto livello di miscredenza e dubbio tra i “più importanti” scienziati alla loro “conoscenza superiore, compresione, ed esperienza”. In modo analogo, lo scienziato dell’Università di Oxford Peter Atkins (famosissimo professore di Chimica Fisica n.d.t.) commentò il nostro sondaggio del 1996 dicendo: “Puoi benissimo essere uno scienziato e avere un credoreligioso. Ma non penso che tu possa essere un vero scienziato nel significato più profondo del termine perché esse sono due categorie della conoscenza sostanzialmente aliene.” Commenti simili ci portarono a ripetere la seconda fase della ricerca di Leuba per effettuare una comparazione più attuale dei credo religiosi dei “grandi” e “medi” scienziati.

Il nostro gruppo selezionato di “grandi” scienziati erano membri della National Academy of Sciences (NAS). Il nostro sondaggio mostrò un rigetto quasi universale del trascendente tra gli scienziati naturali del NAS. L’incredulità nei riguardi di Dio e immortalità tra i biologi del NAS era del 65.2% e 69.0%, rispettivamente, e tra i fisici del NAS era del 79.0% e 76.3%. La maggior parte dei rimanenti si dichiarava agnostica su entrambe le domande, solo alcuni si dichiaravano credenti. Abbiamo riscontrato la più alta percentuale di credenti tra i matematici del NAS (14.3% in Dio, 15.0% nell’immortalità). Tra i biologi abbiamo riscontrato la più bassa percentuale di credenti (5.5% in Dio, 7.1% nell’immortalità), con fisici e astronomi poco sopra (7.5% in Dio, 7.5% nell’immortalità). Una comparazione globale dei sondaggi del 1914, 1933 e 1998 compare in Tabella 1.

Tabella 1 Comparazione delle risposte ai sondaggi tra i “più grandi” scienziati
Crede in un Dio Personale 1914 1933 1998
Credenti 27.7 15 7.0
Non credenti 52.7 68 72.2
Dubbiosi o agnostici 20.9 17 20.8
Crede nell’immortalità 1914 1933 1998
Credenti 35.2 18 7.9
Non credenti 25.4 53 76.7
Dubbiosi o agnostici 43.7 29 23.3
Cifre espresse in percentuali

Ripetere le procedure di Leuba presentò altre sfide. Per i suoi sondaggi di carattere generale, egli intervistò scienziati catalogati nel documento di riferimento standard American Men of Science (AMS). Noi abbiamo usato l’edizione corrente. Ai tempi di Leuba, gli editori di AMS distinsero i “grandi scienziati” sulla base dei loro lavori e Leuba usò questo catalogo per identificare i suoi “grandi” scienziati. L’AMS non effettua più simili distinzioni, perciò noi abbiamo scelto come nostri “grandi” scienziati i membri del NAS, uno status che un tempo avrebbe conferito l’appellativo di “grande scienziato” nei primi tempi dell’AMS. Il nostro metodo ha sicuramente generato un campione più elitario rispetto al metodo di Leuba che (se i commenti citati di Leuba e Atkins sono corretti) potrebbe spiegare il livello estremamente basso di credenti tra i nostri intervistati.

Per il sondaggio del 1914, Leuba spedì il suo questionario ad un campione casuale di 400 “grandi scienziati” dell’AMS. In esso faceva domande riguardanti il credo in “un Dio in comunicazione intellettuale ed affettiva con l’umanità” e nell’”immortalità personale”. I rispondenti potevano rispondere con “credo”, “non credo” e “agnostico” ad ogni domanda. Il nostro sondaggio conteneva esattamente le stesse domande e richiedeva anche l’anonimato.

Leuba spedì il sondaggio del 1914 a 400 “scienziati biologi e fisici”, includendo matematici nel secondo gruppo allo stesso modo di fisici e astronomi. A causa del numero relativamente piccolo di associati al NAS, noi abbiamo spedito il sondaggio e tutti i 517 membri del NAS che si occupano delle scienze centrali. Leuba ottenne un numero di risposte intorno al 70% nel 1914 e più del 75% nel 1933 mentre il nostro numero di risposte si aggira intorno al 60% per il sondaggio del 1996 e poco più del 50% dai membri del NAS.

Mentre noi mettevamo insieme i nostri risultati, il NAS pubblicò un libretto in cui incoraggiava l’insegnamento dell’evoluzione nelle scuole pubbliche, punto su cui c’è attrito tra la comunità scientifica e alcuni Cristiani conservatori negli Stati Uniti. Il libretto rassicura i lettori, “Che Dio esista o meno è una questione su cui la scienza è neutrale”. Il presidente del NAS Bruce Alberts ha detto: “Ci sono molti membri importanti di questa accademia che sono anche persone molto religiose, persone che credono nell’evoluzione, e molti di essi sono biologi”. Il nostro sondaggio parla diversamente.

Edward J. Larson

Larry Witham

Fonte: http://www.stephenjaygould.org/ctrl/news/file002.html

C’è un altro studio al riguardo, di R. Elisabeth Cornwell e Michael Stirrat. Hanno inviato a tutti i 1074 ricercatori della Royal Society che possedevano un indirizzo email un questionario con delle frasi, chiedendo agli scienziati quanto le condividessero da 1 a 7. Circa il 23% ha risposto al questionario, e i risultati preliminari indicano che il 3,3% è molto d’accordo (ha scelto 7) e il 78,8% è in completo disaccordo (ha scelto 1) alla frase “Esiste un Dio personale”. Un totale di 12 ricercatori ha scelto 6 o 7 alla frase “Sono credente”.

Se coloro che hanno risposto al questionario sono rappresentativi della Royal Society, allora circa 52 di loro credono in un Dio personale. Di certo non possiamo dire quanti di questi credono anche nella creazione. Quello che possiamo dire è che non può di 12 ricercatori credono alla creazione. E, degli altri, qualcosa meno di 52, sui 1074 ricercatori, credono nella creazione.

http://riflessionisullafede.wordpress.com

SCIENZIATI NON CREDENTI

ALAN TURING

(1912): Alan Mathison Turing (Londra, 23 giugno 1912 – Manchester, 7 giugno 1954) è stato un matematico e logico britannico. Padre delle scienze informatiche. Considerato uno dei padri dell’informatica, introdusse la macchina ideale ed il test che portano il suo nome.

ALBERT EINSTEIN

Oltre a essere uno dei più celebri fisici e matematici della storia della scienza, fu un grande pensatore e attivista in molti altri ambiti, dalla filosofia alla politica. Per il suo complesso apporto alle scienze e alla fisica in particolare è indicato come uno dei più importanti studiosi del XX secolo. Conosciuto soprattutto per le sue teorie sulla relatività ristretta e sulla relatività generale, diede anche importanti contributi alla nascita della meccanica quantistica e alla critica dei suoi fondamenti, alla meccanica statistica e alla cosmologia.
Fu vincitore del Premio Nobel per la Fisica nel 1921. Quando Adolf Hitler salì al potere, Einstein era professore ospite all’università di Princeton. Quando i nazisti etichettarono i lavori di Einstein come “fisica ebrea”, in contrasto con la “fisica tedesca” o “ariana”, Einstein rinunciò alla cittadinanza tedesca e restò negli USA fino alla morte. Morì a Princeton nel 1955. Fece sempre parte dei movimenti anti nucleari Americani., si considerò sempre un pacifista ed un umanista. Fu inoltre cofondatore del liberale Partito Democratico Tedesco. Benché fosse stato cresciuto come ebreo, Einstein non credeva negli aspetti religiosi dell’ebraismo ma considerava sé stesso ebreo da un punto di vista etnico. A differenza di quanto a volte sostenuto, non credeva in un Dio personale. Albert Einstein descrisse l’anarchia economica della società capitalistica moderna come fonte di un male da superare. Egli era contrario ai regimi totalitari dell’Unione Sovietica e di altri paesi, ma era favorevole ad un socialismo democratico che combinasse un’economia pianificata con un profondo rispetto per i diritti umani.

Gira su Internet una storiella attribuita a niente po po di meno che Albert Einstein. La riporto qui per intero:

Durante una lezione, un professore lanciò una sfida ai suoi alunni con la seguente domanda:
“Dio creò tutto quello che esiste? “ ”Un alunno rispose con coraggio:” Sì, Lui creò tutto… “
“Realmente Dio creò tutto quello che esiste?” domandò di nuovo il maestro.
Sì signore, rispose il giovane.
Il professore rispose: “Se Dio ha creato tutto quello che esiste, Dio ha fatto anche il male, visto che esiste il male! E se stabiliamo che le nostre azioni sono un riflesso di noi stessi, Dio è cattivo!”
Il giovane ammutolì di fronte alla risposta del maestro, inorgoglito per aver dimostrato, ancora un volta, che la fede era un mito.
Un altro studente alzò la mano e disse: “Posso farle una domanda, professore?”
“Logico, fu la risposta del professore.
Il giovane si alzò e chiese:” Professore, il freddo esiste?”
“Però che domanda è questa?… Logico che esiste, o per caso non hai mai sentito freddo?”
Il ragazzo rispose: “ In realtà, signore, il freddo non esiste. Secondo le leggi della Fisica, quello che consideriamo freddo, in realtà è l’assenza di calore. Ogni corpo o oggetto lo si può studiare quando possiede o trasmette energia; il calore è quello che permette al corpo di trattenere o trasmettere energia. Lo zero assoluto è l’assenza totale di calore; tutti i corpi rimangono inerti, incapaci di reagire, però il freddo non esiste. Abbiamo creato questa definizione per descrivere come ci sentiamo quando non abbiamo calore ”.
“E,… esiste l’oscurità?”, continuò lo studente. Il professore rispose: “Esiste”.
Il ragazzo rispose: “Neppure l’oscurità esiste. L’oscurità, in realtà, è l’assenza di luce. La luce la possiamo studiare, l’oscurità, no! Attraverso il prisma di Nichols, si può scomporre la luce bianca nei suoi vari colori, con le sue differenti lunghezze d’onda. L’oscurità, no!… Come si può conoscere il grado di oscurità in un determinato spazio? In base alla quantità di luce presente in quello spazio. L’oscurità è una definizione usata dall’uomo per descrivere il grado di buio quando non c’è luce”. Per concludere, il giovane chiese al professore: “Signore, il male esiste?”
E il professore rispose: “Come ho affermato all’inizio, vediamo stupri, crimini, violenza in tutto il mondo. Quelle cose sono del male”
Lo studente rispose: “ Il male non esiste, Professore, o per lo meno non esiste da se stesso. Il male è semplicemente l’assenza di bene… Conformemente ai casi anteriori, il male è una definizione che l’uomo ha inventato per descrivere l’assenza di Dio. Dio non creò il male…
Il male è il risultato dell’assenza di Dio nel cuore degli esseri umani. Lo stesso succede con il freddo, quando non c’è calore, o con l’oscurità, quando non c’è luce“.
Il giovane fu applaudito da tutti in piedi, e il maestro, scuotendo la testa, rimase in silenzio.
Il rettore dell’Università, che era presente, si diresse verso il giovane studente e gli domandò: “Qual è il tuo nome?” La risposta fu: “Mi chiamo Albert Einstein”.

« Io non credo in un Dio personale e non l’ho mai negato, anzi, ho sempre espresso le mie convinzioni chiaramente. Se qualcosa in me può essere chiamato religioso è la mia sconfinata ammirazione per la struttura del mondo che la scienza ha fin qui potuto rivelare. »

« Non riesco a concepire un Dio che premi e castighi le sue creature o che sia dotato di una volontà simile alla nostra. E neppure riesco né voglio concepire un individuo che sopravviva alla propria morte fisica; lasciamo ai deboli di spirito, animati dal timore o da un assurdo egocentrismo, il conforto di simili pensieri. Sono appagato dal mistero dell’eternità della vita e dal barlume della meravigliosa struttura del mondo esistente, insieme al tentativo ostinato di comprendere una parte, sia pur minuscola, della Ragione che si manifesta nella Natura. »

« … Per me, la parola Dio non è niente di più che un’espressione e un prodotto dell’umana debolezza, e la Bibbia è una collezione di onorevoli ma primitive leggende, che a dire il vero sono piuttosto infantili. Nessuna interpretazione, non importa quanto sottile, può farmi cambiare idea su questo. Per me la religione ebraica, come tutte le altre, è un’incarnazione delle superstizioni più infantili … »

ERICH FROMM

Per Fromm, la specie uomo si può definire oltre che in termini fisici anche in termini psichici, di cui è possibile rilevare scientificamente e descrivere in termini positivi questa natura. Freud cercava l’origine dei traumi nella prima infanzia e nella storia dell’umanità. Fromm invece pone l’accento sul ruolo che l’ambiente può giocare all’interno dello sviluppo della malattia psichica individuale. In politica, Fromm era a favore di un socialismo democratico, di stampo umanista. Egli divenne quindi uno dei fondatori del movimento del Socialismo Umanista. Rientrepetra il pensiero di Marx, a suo parere profondamente travisato dalle università in Occidente e dagli apparati statali in Europa Orientale. Egli sostiene la profonda affinità fra la visione di Marx e quella di Freud sulla natura umana ed il carattere disumanizzante della società capitalista. Uno dei maggiori interessi politici di Fromm era rivolto al movimento pacifista internazionale, e nella lotta contro gli armamenti nucleari ed il coinvolgimento statunitense nella guerra in Vietnam.

ALFRED KINSEY

(1894): sessuologo. Il suo nome resta legato alla prima vasta inchiesta statistica condotta nel campo del comportamento sessuale umano: 18.500 interviste condotte personalmente da Kinsey e che formano il materiale del famoso rapporto Kinsey, ossia di due volumi dedicati l’uno al Il comportamento sessuale nel maschio umano (1948), l’altro al Comportamento sessuale nella femmina umana (1953)

ASIMOV

BARUJ BENACERRAF

(1920) Premio Nobel per la medicina.

BURRHUS FREDERIC SKINNER:

(1904): psicologo. Insegnò psicologia all’università del Minnesota e successivamente ad Harvard. Nel 1938, dopo aver pubblicato due lavori su due tipi di condizionamento, pubblicò un articolo “The behaviour of organisms” che è considerato il suo principale contributo all’elaborazione della teoria del comportamentismo. Skinner può essere considerato l’immagine dell’America pragmatista e tecnologica, fiduciosa delle proprie possibilità, in cui egli viveva….

CARL GUSTAV JUNG
Fu inizialmente vicino alle concezioni di Sigmund Freud per poi allontanarsene nel 1912. Egli apriva la ricerca psicoanalitica dalla storia personale del singolo alla storia collettiva dell’umanità, sì che l’inconscio non è più solo l’inconscio personale (detto anche Ombra) prodotto dalla rimozione ma è l’inconscio collettivo. Freud affermava che l’inconscio alla nascita era un contenitore vuoto e durante la vita si riempiva delle cose che la coscienza riteneva “inutili”. Al contrario, Jung asseriva che l’inconscio aveva una sua autonomia creativa già dalla nascita di un essere umano. Inoltre, secondo Jung, la psicoanalisi di Freud era schematica e teneva poco conto della persona nel suo contesto vitale. Invece Jung dava importanza alla persona ed al suo contesto, così diede via alla sua “psicologia analitica” che voleva essere non solo uno strumento per guarire da patologie psicologiche ma anche una filosofia di vita, o ancor meglio uno strumento per adattare la propria anima alla vita e poterne cogliere tutte le potenzialità di espressione. Egli chiamò questo percorso “individuazione”. Nel 1934 Jung fu criticato per la sua adesione ad un’organizzazione di origine nazista, oltre che per la sua funzione di redattore di un periodico di analoga matrice nazista. La relazione tra Jung e il nazismo continuò, anche dopo la guerra, ad essere oggetto di polemiche e dibattiti. Risale al 1923 la costruzione della famosa e per certi aspetti misteriosa Torre di Jung. L’edificio originale era basso e nascosto fra le due torri, ma all’età di ottant’anni, dopo la morte della moglie Emma nel 1955, si sentì di aggiungere un altro piano. Da allora la casa di Bollingen, senza elettricità e senza acqua corrente, con il suo silenzio, diventò il ritiro spirituale di Jung. Nel 1944 ebbe un incidente, una frattura e un successivo infarto. In coma visse un’esperienza di pre-morte che descriverà nel suo testo autobiografico Ricordi, sogni e riflessioni. Nel 1952 pubblicò gli importanti scritti sulla teoria della Sincronicità. Nel 1958 Jung si occupò degli UFO.

CARL SAGAN

(1934) astrofisico. E’ stato uno dei maggiori astrofisici del XX secolo, oltre ad essere stato un grande divulgatore e uno scrittore di fantascienza. È stato il fondatore del Progetto SETI per la ricerca delle intelligenze extraterrestri attraverso l’uso dei radiotelescopi….

CHARLES DARWIN

(1809) naturalista, padre dell’evoluzionismo. Celebre per aver formulato, assieme ad Alfred Russel Wallace, la teoria dell’evoluzione delle specie animali e vegetali per selezione naturale di mutazioni casuali congenite ereditarie, e per aver teorizzato la discendenza di tutti i primati (uomo compreso) da un antenato comune. Ha pubblicato la sua teoria sull’evoluzione delle specie nel libro L’origine delle specie (1859), che è rimasto il suo lavoro più noto. Ha raccolto molti dei dati su cui ha basato la sua teoria durante un viaggio intorno al mondo sulla nave HMS Beagle, e in particolare durante la sua sosta sulle Isole Galápagos….

CLAUDE LÉVI-STRAUSS

(1908): Antropologo francese. Egli ha applicato il metodo di indagine strutturalista agli studi antropologici. Le sue posizioni filosofiche sono molto critiche nei confronti delle tendenze idealiste e spiritualistiche della filosofia francese del periodo fra le due guerre, soprattutto perché egli riconosce in sé stesso un’esigenza di concretezza. Egli scopre presto nelle scienze umane, in particolare nella sociologia e nell’etnologia, la possibilità di costruire un discorso più concreto e innovatore sull’uomo. Sostiene che la parentela era basata sull’alleanza tra due famiglie che si viene a creare quando una donna proveniente da un gruppo sposa un uomo appartenente ad un altro gruppo….

DÀNILO MAINARDI

(1933) Etologo. Attualmente è professore ordinario di Conservazione della natura presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali dell’Università “Ca’ Foscari” di Venezia. È presidente nazionale della Lipu (Lega italiana protezione uccelli). Si è occupato principalmente dell’evoluzione del comportamento sociale e sessuale. In particolare della scelta sessuale, dimostrando l’importanza dell’apprendimento precoce nel determinare le preferenze sessuali. Con i suoi studi sull’aggressività ha dimostrato che non esiste appetenza per questo comportamento. Tra i risultati più importanti della sua ricerca è sicuramente la scoperta che anche le specie animali posseggono in certa misura la capacità tipica dell’uomo di produrre e trasmettere cultura, di trasferire, cioè, da un individuo ad un altro, soluzioni di problemi e innovazioni. Ha vinto il premio Glaxo per la divulgazione sceintifica. Nel 2003 ha ricevuto a Milano il premio “Campione” per la categoria “Ambiente”. È stato direttore dell’Italian Journal of Zoology, organo dell’Unione Zoologica Italiana. Ha partecipato a numerose trasmissioni televisive specialistiche, tra le quali Dalla parte degli animali, Almanacco del TG1 e le serie di Quark. Collabora con il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, con Casaviva e con Airone. Ha effettuato oltre 200 pubblicazioni….

DESMOND MORRIS

(1928) zoologo. E’ principalmente noto per i suoi lavori come zoologo e etologo. Si pose inizialmente all’attenzione del pubblico negli anni ’60, come presentatore del programma televisivo Zoo Time della ITV. I suoi studi si concentrano sul comportamento animale e umano, spiegato da un punto di vista zoologico. Ha scritto diversi libri e prodotto numerosi programmi televisivi. Nel 1957 curò una mostra di dipinti e disegni fatti da scimpanzé all’Istituto di Arte Contemporanea di Londra; tra questi ve ne erano alcuni di un giovane scimpanzé chiamato Congo. Pablo Picasso mostrò apprezzamento per Morris e la scimmia, mordendo un reporter che gli aveva espresso un’opinione per cui l’opera della scimmia non era arte. Si racconta che Picasso abbia acquistato un dipinto di Congo….

DONALD JOHANSON

(1943) paleoantropologo, scopritore di “Lucy”….

ÉMILE DURKHEIM

(1858) sociologo. E’ un pensatore francese che si richiama all’opera di Auguste Comte, e può considerarsi, con Karl Marx, Max Weber e Herbert Spencer, uno dei fondatori della moderna sociologia. È anche il fondatore della prima rivista dedicata alle scienze sociali, l’Année….

ERICH FROMM

ERNESTO DE MARTINO

(1908) Antropologo. E’ stato un antropologo, musicologo e etnomusicologo italiano. Secondo de Martino, solo attraverso la filosofia storicista l’etnologia avrebbe potuto riscattarsi dal suo “naturalismo”. De Martino costruisce la sua interpretazione del magismo come epoca storica nella quale la labilità di una “presenza” non ancora decisa viene padroneggiata attraverso la magia, in una dinamica di crisi e riscatto. Innovativo nelle sue ricerche fu l’approccio multidisciplinare. “La terra del rimorso” è la sintesi delle sue ricerche sul terreno (il Salento) affiancato da un medico, uno psichiatra, una psicologa, uno storico delle religioni,un’antropologa culturale, un etnomusicologo e infine documentarista cinematografico. Nello studio del fenomeno del “tarantismo” vengono utilizzati anche filmati girati tra Copertino, Nardó e Galatina. A queste monografie segue la pubblicazione dell’importante raccolta di saggi “Furore Simbolo Valore” (1962)….

ERNST MACH

(1838) Fisico e filosofo. La maggior parte dei suoi studi nel campo della fisica sperimentale riguardò l’interferenza, la diffrazione, la polarizzazione e la rifrazione della luce. In seguito Mach si occupò di moti supersonici in un fluido; pubblicò nel 1877 un articolo che descriveva il moto supersonico di un proiettile; dedusse e confermò sperimentalmente l’esistenza dell’effetto oggi conosciuto come cono di Mach. Diede un contributo di fondamentale importanza alla cosmologia ed a quella che avrebbe poi preso il nome di teoria della relatività generale grazie al suo profondo riesame storico critico dei fondamenti della meccanica. Formulò il celebre principio che Einstein battezzò in suo onore principio di Mach, che afferma che le proprietà inerziali di un corpo sono determinate per mezzo di una interazione fisica con la materia lontana. Lottò, da autentico positivista, per l’eliminazione degli elementi metafisici ancora presenti nelle teorie fisiche; in particolare criticò la nozione di spazio assoluto (il sensorium dei newtoniano) aggiudicandosi un posto di rilievo tra i precursori della teoria della relatività. Fu uno dei primi fisici a rinunciare all’ambizione metafisica di descrivere le leggi dell’universo in quanto tali, come oggetti separati dall’osservatore; le leggi fisiche furono da lui concepite come schemi di organizzazione e sistematizzazione dei dati sensoriali e strumentali, in sostanza un prodotto umano che, con un anacronismo tratto dalla teoria dell’informazione, potremmo descrivere come algoritmo di compressione dei dati empirici; concetto questo che egli rese con l’idea di economia della conoscenza. La sua filosofia viene generalmente indicata con il nome di empiriocriticismo….

ERNST MAYR

(1905) biologo.…

FRANCIS CRICK

(1916) Premio Nobel per la medicina, co-scopritore della struttura del DNA. Scienziato britannico, passato alla storia insieme a James D. Watson, per aver costruito il primo preciso modello della struttura del DNA nel 1953. Per giungere alla struttura del DNA i due scienziati si basarono su ciò che gli studiosi che li avevano preceduti avevano scritto. Per costruire il modello del DNA si armarono di cartoncino, filo di ferro e molta pazienza….

FRIEDRICH VON HAYEK

(1899) Premio Nobel per l’economia nel 1974, è stato uno dei più grandi esponenti del liberalismo del secolo XX ed uno dei maggiori critici dell’economia pianificata e centralista….

GEORGE EASTMAN

(1854) Pioniere della fotografia. Eastman giunse ad essere, a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, uno dei maggiori industriali al mondo in campo di materiale fotografico ed apparecchi di ripresa. Nel 1884 diede inizio alla produzione di pellicole trasparenti. I suoi primi apparecchi, battezzati Kodak, entrarono in commercio nel 1888 e conquistarono in breve tempo il mercato della fotografia e della cinematografia. Nel 1889 Eastman fabbricò, con la collaborazione di H. M. Reichenbach, la pellicola trasparente di nitrocellulosa della larghezza di 35mm, base, fino all’avvento del digitale, dell’industria cinematografica. Nel 1892 sorgeva la Eastman Kodak Co., la prima società che produsse apparecchi fotografici pieghevoli ed apparecchi cinematografici a passo ridotto (16mm) su larga scala e a prezzi popolari. Prima di morire suicida, Eastman dettò questo breve messaggio: Ai miei amici: il mio lavoro è compiuto. Perché attendere?…

GINO STRADA

(1948) chirurgo, fondatore di “Emergency”….

HAROLD W. KROTO

(1939) Premio Nobel per la chimica…

HERBERT A. HAUPTMAN

(1917) Premio Nobel per la chimica….

JACK STEINBERGER

(1921) Premio Nobel per la fisica….

JACQUES LACAN

(1901) filosofo e psicanalista….

JACQUES MONOD

(1910) Premio Nobel per la medicina. Monod (con François Jacob) è famoso per il suo lavoro sull’operone lac. Lo studio del controllo di espressione del gene dell’operone lac fornì il primo esempio di un sistema di regolazione della trascrizione genetica. Egli suggerì anche l’esistenza di molecole mRNA che erano il tramite tra l’informazione contenuta nel DNA e quella espressa nelle proteine. Il sistema sperimentale usato da Jacob e Monod era un batterio comune, Escherichia coli. L’idea di fondo è che E. coli non spreca energia producendo uno specifico enzima se non c’è necessità di metabolizzare il lattosio, ad esempio quando sono disponibili altri zuccheri come il glucosio. Questo concetto è chiamato “regolazione negativa del gene”….

JEAN-MARIE LEHN

(1939) Premio Nobel per la chimica. Si occupa di sintesi organica. In seguito ritorna a Strasburgo dove si occupa di chimica fisica. Nel 1968 sintetizza i criptani, molecole in grado di “catturare” ioni. Si è occupato tra l’altro di riconoscimento chimico, ovvero di quel fenomeno per cui molecole complementari possono interagire attraverso interazioni deboli, aprendo il campo alla chimica recettoriale che in seguito troverà grandi applicazioni in farmacologia. Per la scoperta dei criptani Lehn riceve il Premio Nobel per la Chimica nel 1987 (con Charles J. Pedersen e Donald J. Cram). A Lehn e al suo lavoro si deve la fondazione di una importante branca della chimica, la così detta chimica supramolecolare che si occupa di entità complesse che risultano dall’associazione di due o più specie chimiche tenute insieme da legami intramolecolari non covalenti….

JOHN DEWEY

(1859) filosofo e pedagogista….

JULIEN OFFRAY DE LA METTRIE

(1709) fisico e filosofo. Il primo scrittore materialista dell’illuminismo. È stato acclamato come fondatore delle scienze cognitive….

LINUS C. PAULING

(1901) E’ stato un chimico e premio Nobel statunitense. Può essere considerato uno dei più grandi chimici del XX secolo ed è considerato il padre del legame chimico. Ha vinto due premi Nobel, il primo per la Chimica nel 1954 e il secondo per la Pace nel 1962. Le nuove regole per determinare le lunghezze dei legami chimici e le altre proprietà delle molecole sono state scritte sulla base del nuovo concetto di risonanza, inventato dallo stesso Pauling. Il grande chimico, nativo dell’Oregon, applicò la meccanica quantistica per determinare la struttura delle molecole e la natura dei legami. I suoi lavori sul legame chimico, a partire dal 1931, hanno risolto tutti gli enigmi sulla formazione di molecole contenenti atomi uguali. Pauling spiegò anche l’affinità chimica e compilò la più nota scala di elettronegatività.

LINUS TORVALDS

(1969) informatico, ideatore di Linux. E’ autore della prima versione del kernel Linux ed attualmente coordinatore del progetto di sviluppo dello stesso. Il sistema operativo GNU/Linux, ottenuto unendo Linux con il sistema GNU, è entrato nella storia come valida alternativa ai sistemi operativi commerciali a licenza chiusa (come per esempio Microsoft Windows, Mac OS X, Unix); a differenza di questi ultimi sistemi, infatti, Linux è software libero rilasciato sotto licenza GPL (tale licenza è ritenuta attualmente dall’OSI conforme alle norme che regolano l’open source), ovvero chiunque può accedere al codice sorgente del sistema operativo, modificarlo a proprio piacimento, usare l’eseguibile per ogni scopo e copiare legalmente tale software, come previsto dalla licenza GPL.

LUCIANO DE CRESCENZO

(1928) ingegnere e scrittore. Diventò un autore di successo internazionale, pubblicando ventiquattro libri, vendendo 18 milioni copie nel mondo, di cui 7 milioni in Italia. Le sue opere sono state tradotte in 19 lingue e diffuse in 25 paesi. Segue una lunghissima serie di romanzi cui si aggiungono opere di saggistica. Ha sempre affiancato alla sua attività di scrittore quella di divulgatore, capace di introdurre anche il lettore più inesperto ai problemi sollevati dalla filosofia antica, ed infatti nel corso degli anni Ottanta e Novanta ha condotto sulle reti RAI una trasmissione televisiva (Zeus) sui miti e sulle leggende degli antichi greci. Oggi, a causa di una malattia neurologica, non è capace di distinguere i volti umani. De Crescenzo ha lavorato come autore in televisione ed in varie vesti nel mondo del cinema. Presentò inoltre cinque programmi televisivi, collabora a varie testate giornalistiche.

LUIGI VERONELLI

(Milano, 2 febbraio 1926 – Bergamo 29 novembre 2004) enologo, gastronomo e intellettuale italiano. Viene ricordato come una delle figure centrali nella valorizzazione e nella diffusione del patrimonio enogastronomico italiano. Antesignano di espressioni e punti di vista che poi sono entrati nell’uso comune e protagonista di caparbie battaglie per la preservazione delle diversità nel campo della produzione agricola e alimentare, attraverso la creazione delle denominazioni di origine, le battaglie a fianco delle amministrazioni locali, l’appoggio ai produttori al dettaglio. Si professerà, infatti, per tutta la vita di fede anarchica rifacendosi alle ultime lezioni tenute da Benedetto Croce a Milano.

MALTHUS THOMAS

Malthus nacque nel 1766 e studiò in collegio religioso a Cambridge. Nel 1798 pubblicò il “Saggio sul principio della popolazione” in cui sostenne che l’incremento demografico avrebbe spinto a coltivare terre sempre meno fertili con conseguente penuria di generi di sussistenza per giungere all’arresto dello sviluppo economico, poiché la popolazione tenderebbe a crescere in progressione geometrica, quindi più velocemente della disponibilità di alimenti, che crescono invece in progressione aritmetica (teoria questa che sarà poi ripresa da altri economisti per teorizzare l’esaurimento del carbone prima, e del petrolio dopo).

MARGHERITA HACK

(1922) È ordinario di Astronomia all’Università di Trieste dal 1964 e ha diretto l’Osservatorio Astronomico di Trieste dal 1964 al 1987. E’ stata anche direttore del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Trieste. Ha lavorato presso numerosi osservatori americani ed europei ed è stata per lungo tempo membro dei gruppi di lavoro dell’ESA e della NASA. Ha pubblicato oltre 250 lavori originali su riviste internazionali e molti libri sia divulgativi sia di livello universitario. Insieme a Corrado Lamberti, direttore della rivista di divulgazione scientifica di cultura astronomica Le Stelle.

MARIA SKŁODOWSKA CURIE

(1867) è stata una chimica e fisica polacca. Nel 1903 fu insignita del premio Nobel per la fisica (assieme al marito Pierre Curie e a Antoine Henri Becquerel) e, nel 1911, del premio Nobel per la chimica per i suoi lavori sulla radioattività, portando alla scoperta di nuovi elementi radioattivi, il polonio, il torio e il radio. Durante la prima guerra mondiale, sostenne l’uso delle unità mobili di radiografia come mezzo di diagnosi per i soldati feriti. Gli ultimi suoi anni di vita furono turbati dall’uso improprio e privo di precauzioni del materiale radioattivo attorno al quale aveva molto lavorato. La causa della sua morte fu quasi certamente la leucemia, dovuta all’esposizione massiccia alle radiazioni durante i suoi lunghi anni di lavoro.

MASSIMO PIGLIUCCI

(1964) genetista.

MURRAY GELL-MANN

(1929) è un fisico statunitense; ricevette il premio Nobel in Fisica nel 1969 per i suoi studi sulla teoria delle particelle elementari. Ha introdotto la cosiddetta eightfold way (letteralmente la via ottupla meglio detta la via dell’ottetto) come mezzo per organizzare coerentemente il gran numero di particelle. Il contributo di Gell-Mann è stato fondamentale anche nello sviluppo del concetto di quark, della conservazione della stranezza ed il fatto che i quark possiedono una carica che vale ±1/3 o ±2/3. Attualmente è professore emerito di fisica teorica presso il Caltech e professore presso il Dipartimento di Fisica ed Astronomia dell’Università del New Mexico, ad Albuquerque. Nel 1984 ha fondato il Santa Fe Institute – un istituto non profit di ricerca – a Santa Fe, nel New Mexico, per studiare i sistemi complessi e diffondere la nozione di uno studio interdisciplinare separato di una teoria complessa.

OLIVER SACKS

(1933) è un neurologo, autore di romanzi che hanno per oggetto i suoi pazienti. Laureatosi presso il Queen’s College di Oxford, è oggi il titolare della cattedra di neurologia presso l’Università di Los Angeles (UCLA). Ha vissuto a New York dal 1965. Nei suoi romanzi, Sacks descrive i casi clinici con pochi dettagli tecnici, concentrandosi preferenzialmente sull’esperienza personale dei pazienti – in un caso, egli stesso. Molti dei casi che racconta sono incurabili e il racconto è quello dei diversi modi in cui le persone si adattano alle loro diverse disabilità. Da un suo famoso libro, Risvegli, è stato tratto un film in cui Sacks è stato impersonato da Robin Williams e uno dei suoi pazienti da Robert De Niro. Risvegli narra l’esperienza del trattamento di pazienti post encefalitici affetti da encefalite letargica con L-DOPA durante gli anni ’60. In altri suoi libri, descrive casi di sindrome di Tourette, degli effetti del morbo di Parkinson e di fenomeni meno conosciuti, come il blindsight (letteralmente visione cieca), la Sindrome di Korsakov e altri.

PETER BRIAN MEDAWAR

(1915) Premio Nobel per la medicina.

PIERGIORGIO ODIFREDDI

(1950) matematico, logico, saggista e storico della scienza italiano, molto attivo anche come divulgatore. Ha insegnato in Italia (Torino, Alessandria, Siena, Milano), negli Stati Uniti (Cornell) e in Russia. Dal 2001, Professore Ordinario di logica matematica presso il Dipartimento di matematica dell’Università di Torino. Vivace polemista, è noto in particolare per la polemica contro le tesi e gli interventi di Antonino Zichichi (in particolare quella del suo libro Zichicche), dal quale è stato anche querelato per diffamazione. In primo grado Odifreddi è stato assolto. Ha scritto come opinionista/recensore per La rivista dei libri e vari articoli divulgativi per Le Scienze, oltre ad aver collaborato con vari quotidiani come la Repubblica, La Stampa e con il settimanale L’espresso. Radio Tre, Raidue e Raitre hanno ospitato alcuni suoi interventi in varie rubriche scientifiche. Dal 2003 Odifreddi è membro del comitato di presidenza dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti. Premio Galileo dell’Unione Matematica Italiana. Premio Peano di Mathesis. Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

PIERRE CURIE

(1859) Si laureò in fisica nel 1878. Divenne professore di fisica e dottore in scienza. Nel 1900 divenne professore alla facoltà di fisica e nel 1904 ne divenne titolare. I suoi studi furono per gran parte incentrati sulla radioattività, fatti in collaborazione con la moglie Marie Curie, con cui si sposò nel 1895. Proprio grazie a questi studi, fu premiato col Premio Nobel nel 1903 in fisica con la moglie e con Antoine Henri Becquerel. Essi, infatti, scoprirono il polonio ed il radio. Con la moglie descrisse i metodi di misura della radioattività e le ragioni per cui deve essere considerata una proprietà atomica (oggi diremmo nucleare) e non molecolare.

RENATO DULBECCO

(1914) Compie gli studi universitari a Torino in Medicina, benché amasse la fisica, occupandosi prevalentemente di biologia. Caduta la dittatura fascista, Dulbecco entra a far parte delle Resistenza e fa parte del CLN della città di Torino, diventando anche membro della giunta popolare guidata dal sindaco Giovanni Roveda. Dopo la guerra inizia a occuparsi di biologia. Nel 1975, grazie alle sue scoperte in materia di interazioni tra virus tumorali e materiale genetico della cellula, è insignito del premio Nobel per la medicina assieme a David Baltimore e Howard Temin. Dal 1986 è attivamente impegnato nel Progetto Genoma, di cui è stato uno degli iniziali promotori. Oltre al premio Nobel, Dulbecco è stato insignito della laurea honoris causa in Scienze dall’Università di Yale, è membro dell’Accademia dei Lincei, dell’Accademia Nazionale delle Scienze americana e membro straniero della Royal Society inglese.

RICHARD FEYNMAN

(1918) è stato un fisico e matematico statunitense. Si dedicò al calcolo differenziale molto prima dei suoi coetanei ed arrivò a sviluppare una serie di notazioni e strumenti indipendenti per rappresentare e trattare le funzioni trigonometriche elementari. Questa sua abilità nel costruirsi strumenti su misura per applicare la scienza la si ritrova negli anni della maturità scientifica, con lo sviluppo dei diagrammi di Feynman e degli integrali di Feynman Gli interessi del giovane Feynman nel campo della scienza furono molteplici e riguardarono, oltre ovviamente alla fisica, la chimica, la biologia e l’elettronica. Feynman è anche l’unica persona ad aver visto l’esplosione nucleare di Trinity ad occhio nudo, con la sola protezione del vetro del parabrezza di un autocarro per schermare le radiazioni ultraviolette nocive. Sviluppò un nuovo formalismo per la meccanica quantistica, che venne in seguito adattato all’elettrodinamica quantistica. Per questo suo lavoro ricevette il Premio Nobel per la fisica nel 1965, assieme a Sin-Itiro Tomonaga e Julian Schwinger che svilupparono indipendentemente altri metodi per lo stesso problema. A partire dagli anni 50 è stato docente di fisica al California Institute of Technology e si è occupato di superfluidità, superconduttività e del decadimento beta dei neutroni. È inoltre ritenuto il padre delle nanotecnologie, del calcolatore quantistico e fece parte della commissione che ricercò le cause del disastro del Challenger nel 1986.

RICHARD STALLMAN

(1953) è un noto informatico statunitense e uno dei padri del concetto del copyleft e un pioniere nel concetto di software libero. Durante gli anni dell’Università ha lavorato nel laboratorio di intelligenza artificiale del MIT, operando sullo sviluppo di sistemi operativi. È in questo contesto che, nel 1975, ha scritto Emacs, il suo editor di testi estensibile. Nel 1983 Stallman iniziò a lavorare al progetto GNU per dedicarvisi a tempo pieno ed evitare influenze da parte del MIT, che abbandonò definitivamente nel gennaio del 1984, elaborando il Manifesto GNU e fondando nel 1985 la Free Software Foundation. Nel 1989 ideò il concetto di copyleft.

SIGMUND FREUD

(1856) fu neurologo e fondatore della psicoanalisi, una delle principali correnti della moderna psicologia, secondo la quale l’inconscio ha un notevole influsso sul comportamento e sul pensiero degli esseri umani e delle organizzazioni di ogni dimensione tra individui. In un primo momento si dedicò allo studio della ipnosi e dei suoi effetti nella cura di pazienti psicolabili. Le idee di Freud e le sue teorie – viste con diffidenza negli ambienti della Vienna del XIX secolo – sono ancora oggi al centro di accesi dibattiti e centro di discussioni non solo in ambito medico-scientifico, ma anche accademico, letterario, filosofico e culturale in genere.

STEPHEN HAWKING

(1942) è un fisico britannico, fra i più importanti e conosciuti del mondo. Pur essendo condannato all’immobilità dalla sclerosi laterale amiotrofica, occupa oggi la cattedra lucasiana[1] di matematica all’Università di Cambridge (la stessa che fu di Isaac Newton) ed è membro della Royal Society. Noto soprattutto per i suoi studi sui buchi neri, è oggi uno fra i cosmologi più autorevoli.

STEPHEN JAY GOULD

(1941) è stato un biologo, zoologo, paleontologo e storico della scienza statunitense. È considerato uno dei divulgatori scientifici più prolifici ed influenti della sua generazione. In questa veste scrisse oltre 300 saggi pubblicati su Natural History e poi raccolti in vari volumi. In molte occasioni si espresse contro l’oppressione culturale in tutte le sue forme, in special modo contro la pseudoscienza al servizio del razzismo e contro l’insegnamento del creazionismo come teoria scientifica. Dopo aver ottenuto un PhD alla Columbia University, nel 1967 divenne un ricercatore ad Harvard. Aiutò nel 1972 Niles Eldredge a sviluppare la sua teoria degli equilibri punteggiati in cui si sostiene che i cambiamenti evolutivi avvengono in periodi di tempo relativamente brevi (su scala geologica) sotto l’impulso di stress ambientali, separati da lunghi periodi di stabilità evolutiva delle forme di vita.

STEVEN WEINBERG

(1933) è un fisico teorico, premio Nobel per la fisica nel 1979 (insieme ai colleghi Abdus Salam e Sheldon Glashow) per la teoria dell’interazione elettrodebole,
Si è laureato nel 1954 alla Cornell University e ha ottenuto il dottorato (Ph.D.) in Fisica dalla Princeton University nel 1957. Dimostro’ in particolare che fotoni e bosoni, nonostante le apparenti differenze, erano appunto elementi di una stessa famiglia di particelle. La conferma sperimentale delle idee di Weinberg e colleghi non tardo’ ad arrivare. Nel periodo 1982-1983, i fisici Carlo Rubbia e Simon van der Meer identificarono (al CERN di Ginevra) le particelle subatomiche responsabili dell’interazione debole previste dalla teoria, cioè i bosoni W+, W− e Z°. In filosofia, Steven Weinberg si dichiara ateo.

THOMAS H. HUXLEY

(1825) biologo.

VALERIO POCAR

(1944) avvocato, sociologo e professore universitario. Avvocato cassazionista, dal 1973 è stato professore di Sociologia e di Sociologia del Diritto ed è attualmente titolare dell’insegnamento di Sociologia del Diritto, dal 1998 è presidente della Consulta di Bioetica, membro del Comitato Etico della Fondazione Florian e dell’Istituto Neurologico “C. Besta”. È autore di un centinaio di pubblicazioni (articoli e libri) sulla storia del Pensiero sociologico-giuridico, sulla sociologia delle professioni giuridiche, sulla sociologia del diritto della famiglia, sulla bioetica. Tra le sue pubblicazioni, numerosi saggi in tema di diritti degli animali, tra i quali Gli animali non umani. Dal 1998 è presidente della Consulta di Bioetica (Milano) e, dal 2003, è membro del comitato di presidenza dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti. Estratto da “http://it.wikipedia.org/wiki/Valerio_Pocar”
sociologo del diritto.

WILHELM REICH

(1897) è stato un medico, psichiatra, psicoanalista e scrittore. Fu allievo di Sigmund Freud. Le sue ricerche scientifiche spaziarono in molti ambiti, senza limitatarsi al suo campo specifico di studi, quello della psichiatria, di cui è uno dei padri fondatori. Nell’ultima parte della sua vita alcune ricerche da lui compiute lo portarono ad affermare di avere scoperto una nuova forma di energia (orgone) Queste teorie furono fortemente osteggiate dalla comunità scientifica in quanto mancanti di prove sperimentali e di un apparato teorico a sostegno. Negli anni Trenta Reich sostenne di aver scoperto un’energia cosmica e la chiamò per questo orgonica, supponendo che fosse contenuta nell’atmosfera e nella materia vivente. In mancanza di prove sperimentali, questa sua opinione non fu mai accettata dal mondo scientifico. Quando una sua opera fu messa al bando dai nazisti, Reich decise di fuggire dall’Austria e si trasferì nel 1939 negli Stati Uniti d’America. Processato per aver violato il divieto, della FDA, e alla fine fu condannato a 2 anni di reclusione dove morì per un attacco cardiaco un anno dopo, il giorno prima del suo rilascio. Reich, come Freud, era un convinto assertore della sessualità come elemento centrale della psicanalisi; alla base di tutta la teorizzazione reichiana vi sono i postulati appartenenti al primo periodo di ricerca di Freud, il quale postulava la libido o pulsione come “energia”, ovvero come “forza motrice della psiche”. Reich rifiuta la teoria dell’istinto di morte. Secondo Reich, la scoperta (e rimozione) dei “blocchi psichici” poteva essere facilitata dall’eliminazione dei “blocchi fisici”. Reich riteneva di poter misurare queste variazioni energetiche attraverso un oscilloscopio. Con il concetto di corazza indica l’ancoraggio bio-psicologico della repressione emozionale L’equilibrio psichico garantito dalla corazza ha quindi un prezzo; in cambio ci protegge da quei traumi che non siamo riusciti a rimuovere (altra differenza con Freud) e riduce l’ansia e la paura apparente. In verità una corazza molto sviluppata nasconde una profonda insicurezza interiore ed una forte sfiducia nell’ambiente esterno, percepito come ostile e pericoloso. Reich si affiancò al filone, ispirato anche da Freud e dalla sua teoria sui tabù. Reich tende ad “identificare” la salute psichica con la liberazione della sessualità; passando sul piano “politico”, questa teoria da psicologica diventa sociologica e condanna la società dell’epoca, vista come borghese ed oscurantista. Reich riesce così a coniugare Marx e Freud, accusando la classe dominante di mantenere l’ordine sociale (e con esso la propria supremazia) reprimendo il libero manifestarsi dell’energia sessuale. La morale sessuale dominante nella società e nella famiglia si esplica in sostanza, tramite una struttura psichica che reprime le pulsioni sessuali, generando nevrosi ed infelicità. Reich ha in questo profondamente influenzato studiosi come Fromm e Marcuse, anch’essi accusati di simpatizzare per il comunismo, sebbene nel caso di Fromm si trattasse solo di una forte critica alla società consumistica e vuota statunitense, cui corrispondeva un’altrettanto forte critica dei regimi comunisti. Reich si iscrive nel 1927 al Partito Comunista Austriaco.
La militanza nel partito consente a Reich di scoprire quella che avrebbe definito in seguito come la “materia sessuale di massa”: La psicologia di massa del fascismo (dove individua nel fascismo “l’espressione politicamente organizzata della struttura caratteriale umana media” in quanto costituisce “l’atteggiamento fondamentale dell’uomo autoritariamente represso dalla civiltà delle macchine”), Reich è anche bandito – nel 1934 – dalla “Società psicoanalitica internazionale”, mentre già si trova a vagabondare per l’Europa per sottrarsi al nazismo oramai dilagante. Nei suoi ultimi anni Reich ha narrato in diverse circostanze di quelle che riteneva le sue esperienze con gli alieni. Inoltre, Reich ipotizzò di poter essere egli stesso frutto di un incrocio con gli alieni:. I sostenitori delle teorie del Reich ritengono che un indizio del legame profondo tra orgasmo e malattia si possa riscontrare nell’azione di antidepressivi di ultima generazione di tipo SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) i quali hanno in alcuni casi come effetto collaterale temporaneo l’anorgasmia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>